Formazione insegnanti Superfici non superficiali

La carta materiale del quotidiano, antico e contemporaneo allo stesso tempo, diventa elemento compositivo, superficie viva che asseconda e contiene infinite sperimentazioni. La materia accogliente e docile si trasforma in paesaggio estetico (dal greco Aistesis=sensazione percepita attraverso i sensi) emozionale e poetico. In collaborazione con Edizioni Corraini e Cartiere Fabriano, insieme al Dipartimento Educazione in questo nuovo network nazionale per sperimentare le caratteristiche tecniche e simboliche della carta, contenitore e contenuto della trasmissione dei saperi dell’Umanità. La giornata di formazione teorico-pratica si conclude con il laboratorio Alla ricerca del DNA della carta: dalla superficie al volume, il foglio è la base per comporre un oggetto tridimensionale che ricorda la forma elicoidale del DNA. Un modo per ritornare all’origine e dare origine a una installazione collettiva che si espande nello spazio.