A Parigi con il Dipartimento Educazione

Il Dipartimento Educazione a Parigi con Michelangelo Pistoletto
nel segno del Terzo Paradiso

8 e 9 giugno 2013, Musée du Louvre e Jardin des Tuileries
A cura di
Dipartimento Educazione Castello di Rivoli
Museo d’Arte Contemporanea

Musée du Louvre Direction de la Politique des Public et de l’Education Artistique
In collaborazione con Cittadellarte Fondazione Pistoletto

Straordinario successo per il Gran Finale del programma italo-francese che il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli ha condiviso con il Musée du Louvre – DPPEA in occasione della mostra di Michelangelo Pistoletto al Louvre Année un. Le paradis sur terre.
Sabato 8 e domenica 9 giugno, nella spettacolare cornice dei Giardini delle Tuileries, migliaia di persone hanno partecipato alle oper-azioni collettive in cui si è rielaborato il segno simbolo di Terzo Paradiso utilizzando lunghi cordoni di alluminio fornito da CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio, materiale riciclabile all’infinito, in linea con il tema – caro al Maestro Pistoletto – dell’arte come motore di trasformazione sociale responsabile. Sono state inoltre esposte le elaborazioni tridimensionali del segno-simbolo di Terzo Paradiso realizzate dai partners che hanno partecipato al percorso di formazione.
Dopo lo straordinario successo dell’evento nello spazio MARNI al Fuorisalone di Milano, sono arrivati a Parigi gli Abi-tanti, piccoli oggetti in forma di umanoidi che saranno ospiti d’eccezione dell’evento: compresa l’ultima famiglia MARNI sono oltre 7.000 e compongono La moltitudine migrante, che ha invaso pacificamente i Giardini delle Tuileries e che crescerà grazie alla nuova famiglia creata per il Louvre. Il progetto Abi-tanti. La moltitudine migrante parte dal gioco, pensato per la piazza intesa come Agorà, per rimettere in gioco i concetti d’identità e differenza, incontro con l’altro, lo sconosciuto proveniente da un altro mondo. A partire dalla comune base di legno (quasi un primitivo DNA), gli Abi-tanti si caratterizzano in tantissime varianti grazie alla creatività delle persone che accolgono il progetto del Dipartimento Educazione nei diversi luoghi. La moltitudine è composta da esseri apparentati per famiglie, contraddistinte dal differente aspetto esteriore, a partire da cromie e materiali organizzati in modo sempre diverso e originale.
Per l’occasione il team è stato accompagnato da oltre 200 artenauti da Italia e Francia, amanti dell’arte di tutte le età che hanno accolto l’invito del Dipartimento Educazione a partecipare a uno speciale viaggio a Parigi incentrato sull’esperienza del Terzo Paradiso: un segno che attesta un legame unico e speciale tra Museo e territorio, in nome della comune passione per l’arte contemporanea.

Il Terzo Paradiso
Il segno-simbolo del Terzo Paradiso ideato da Pistoletto inscrive nella linea dell’infinito un cerchio, evocativo dei cicli della rigenerazione della materia e della circolarità del tempo. Il Terzo Paradiso è il mito contemporaneo che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità in questo passaggio epocale, in cui diviene essenziale ricercare la congiunzione tra il primo paradiso (naturale) ed il secondo (artificiale, creato dall’uomo).

Per l’occasione è stata presentata la nuova rosa intitolata a Michelangelo Pistoletto creata dall’ibridatore sanremese Antonio Marchese che, insieme a Comune di Sanremo, Società consortile per lo sviluppo del florovivaismo nel Ponente Ligure e Istituto Regionale per la Floricultura, nel 2012 a Sanremo è stato tra i protagonisti della creazione del Giardino del Terzo Paradiso con i nuovi ibridi dei migliori florovivaisti della Riviera Ligure. In collaborazione con Associazione Pigna Mon Amour di Sanremo.

Il tutto è avvenuto in concomitanza con i grandi festeggiamenti nei Giardini delle Tuileries per il 400° Anniversario della nascita di André Le Nôtre.
INFO
Dipartimento Educazione Castello di Rivoli 011.9565213, educa@castellodirivoli.org